Vademecum contro la sedentarietà: come vivere in modo attivo

Il movimento è vita: una vita sedentaria ha un impatto devastante sulla forma fisica e sull’umore.
Vademecum contro la sedentarietà: come vivere in modo attivo Vademecum contro la sedentarietà: come vivere in modo attivo

Gli scienziati della Wayne State University School of Medicine1 hanno dimostrato che una vita sedentaria sarebbe in grado di modificare la forma di alcuni neuroni, incidendo sullo stato di salute di cervello e cuore.

 

Se, fino a  una ventina di anni fa, la maggior parte degli scienziati era convinta che la struttura del cervello si fissasse definitivamente con l’età adulta e che fosse impossibile la nascita di nuove cellule cerebrali, i recenti studi2 hanno stabilito che il cervello conserva la capacità di rinnovarsi per tutta la durata della vita.

 

L’esercizio fisico sembra essere particolarmente utile nel rimodellare il cervello così  come anche la sedentarietà (se pur in negativo, si intende).3

 

Vivere in modo attivo rappresenta dunque la garanzia di un buono stato di salute e di una vita sufficientemente serena e, addirittura, felice.

Come garantirsi però costanza e intraprendenza per vivere senza abbandonarsi mai alla sedentarietà?

Seguendo la cronobiologia per esempio!

Dalle 4.00 del mattino alle 12.00 per esempio il corpo vive una fase in cui si depura dai metaboliti e dalle scorie prodotte nella fase anabolica (dalle 20.00 alle 4.00).4

 

Questo momento di naturale depurazione dell’organismo va assecondato con l’idratazione (acqua a basso residuo fisso) e la frutta, che permettono la disintossicazione.

Questa fase è ideale anche per praticare l’attività fisica che permette di eliminare le tossine e favorisce la peristalsi intestinale.

 

Al mattino anche la mente è più lucida e concentrata: perché allora non scaricare delle applicazioni che ci aiutino e ci ricordino ogni giorno l’importanza del movimento nella nostra vita?

 

Ne trovate di ogni tipologia: da quelle per monitorare l’attività aerobica come corsa, ciclismo e camminata  a quelle per praticare lo yoga quotidiano.

 

Riassumendo, un’attività fisica moderata e quotidiana può:

 

  • aiutare la respirazione facendo funzionare di conseguenza meglio il sistema linfatico, eliminando le scorie del metabolismo e immettendo più ossigeno nell’organismo;
  • aiutare a controllare la fame;
  • attivare l’intestino.

 

Allora dedichiamo del tempo all’attività fisica per una vita appagante vissuta all’insegna di ritmi più rilassati e “naturali”.

Sources:

 

1. School of Medicine – Wayne State University home.med.wayne.edu/

 

2. Journal of Comparative Neurology

onlinelibrary.wiley.com

 

3. Fonte: La vita sedentaria “deforma” il cervello www.huffingtonpost.it

 

4. Fonte: “Cambio pelle” Fabrizio Duranti e Riccarda Serri – Sperling & Kupfer, 2012